• Ponti sul Mincio - Colline Moreniche
  • Il paesaggio mantovano
  • Vigneti - Oltrepo Mantovano
  • Campagna e vigneti - Cavriana
  • Uva nei vigneti mantovani

Territorio

Il territorio a vocazione vinicola della provincia di Mantova è estremamente vario ed è possibile individuare due aree vitivinicole ben distinte:

  1. Le Colline Moreniche rappresentano il territorio che si estende nella parte sudorientale dell'anfiteatro morenico e che racchiude il bacino del Garda, andando a costituire una suggestiva catena di basse colline nella parte settentrionale della provincia di Mantova.

    Le colline moreniche offrono terreni rimescolati a base di argille e ghiaie con una bella profondità ed un significativo drenaggio. Principalmente di composizione calcarea e di terre di colore rosso. La vicinanza del Lago di Garda influisce in maniera significativa sul clima, che risulta mite durante tutto l’anno. Gli sbalzi termici sono comunque tali da permettere buone maturazioni complessive delle uve con valori di acidità costanti nei vini e deliziosi profumi. Il terreno marchia in modo inconfondibile questi vini dotati di ottima sapidità e, soprattutto nei bianchi, di una vena minerale da terra bagnata di elevata tipicità.

    La zona collinare è rinomata per vini fermi come pure per ottimi spumanti e passiti, a certificazione DOP e IGP come Chardonnay, Cabernet, Melot e Pinot Grigio.

  2. L’Oltrepò Mantovano comprende l’altra grande realtà di produzione vinicola mantovana. Si estende per una vasta superficie in Pianura Padana che va da Viadana a Sermide e rappresenta l’area a più antica tradizione vitivinicola del mantovano. Si caratterizza per un terreno prettamente argilloso tipico della bassa mantovana, nella zona bagnata dal fiume Po. Il clima è di tipo mediterraneo con estati calde ed inverni freddi.

    Il principale vino prodotto è il Lambrusco Mantovano DOP, caratteristico di due sottozone distinte di produzione di questa parte meridionale della provincia di Mantova: l’area Viadanese-Sabbionetano sulla riva sinistra del fiume Po, ed il cosiddetto Oltrepò Mantovano sulla riva destra, che danno origine a due prodotti distinti per colore e densità. 

    Nello specifico, nel Viadanese-Sabbionetano è tipico il vitigno autoctono Lambrusco Viadanese (prodotto nei comuni di Viadana e Sabbioneta) mentre nell'Oltrepò Mantovano si trova il vitigno autoctono Lambrusco Grappello Ruberti (Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Benedetto Po, Revere, Poggio Rusco, Sermide).

    Il Lambrusco Mantovano, corposo ed autentico, ha le specificità conferite dai terreni argillosi, ricchi di umidità e strappati al dominio delle acque grazie alle cospicue opere di bonifica susseguitesi nel tempo, già ad opera dei monaci benedettini. In particolare il Lambrusco Viadanese si presenta più corposo e pieno del lambrusco dell’Oltrepò Mantovano, che detona invece maggior leggerezza e profumazione.